You are currently browsing the tag archive for the ‘palazzi’ tag.

Ansel Kiefer - I sette palazzi celesti

Ansel Kiefer – I sette palazzi celesti

Tra i palazzi, come deserti, cosa ci rimane da guardare. Negli spazi. Come container, palazzi alti e distrutti. Pesano e ci schiacciano. Tienimi per mano che ce ne stiamo andando. E mi chiedi cosa sono le case. Cosa ce ne facciamo. Ti guardo e ti soffio sugli occhi, ma sono lontanissimo e tu non senti niente. Come possiamo fare per non perderci mai più, mi chiedi. Dobbiamo smetterla di ascoltare le persone che parlano del meteo, e quelle che ci dicono che è giusto così. Dobbiamo spegnere tutti i lampioni o semplicemente aspettare che finiscano questi eterni lavori in corso. E ti ritrovo mentre compri un altro paio di pantaloni, in centri commerciali, in cui l’alternativa a comprare non c’è mai stata. Piuttosto raccontami di quando hai voluto spaccare tutto e non l’hai fatto perché poi ti avrebbero fatto ricomprare ogni cosa e con la tua paga da sette euro l’ora non ce l’avresti mai fatta. O di quando ti sei messa in macchina e sei andata dall’altra parte del mondo per non ascoltare nessuno e sentire il rumore delle foglie e degli alberi abbattuti per farci legna e volantini da mettere nelle cassette postali. Come tutto lo spazio che c’è tra un palazzo e l’altro, come se tra un palazzo e l’altro non ci fosse che un nulla insopportabile, lo stesso che c’è tra le nostre stanze separate da milioni di passi. Lo stesso nulla che c’è da tutte le parti. Il nostro futuro è uguale ad un passato qualsiasi.

Luca Romano | @lucaromano_

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: